scuola primaria

Scuola primaria paritaria 

Scuola Primaria Paritaria

STORIA DELLA NOSTRA SCUOLA PRIMARIA

Scuola Primaria Paritaria: con autorizzazione del Regio Ispettore Scolastico Adolfo Costa del 3 dicembre 1923 e quella governativa del 24 ottobre 1924, l’Istituto delle Suore Orsoline Maria Vergine Immacolata di Gandino, nell’ottobre 1924, dà inizio alle attività della scuola elementare insieme all’educandato, ad un corso triennale di perfezionamento post-elementare e alla scuola materna.
Fino al gennaio 1940 la scuola ha sede in via Masone 20/A. Nello stesso anno, in data 9 gennaio, viene inaugurato il nuovo plesso scolastico in via Monte Ortigara, 14.
A causa degli eventi bellici, il 17 maggio 1944, l’ambiente scolastico viene requisito con decreto firmato dal Capo della Provincia. Ciononostante la scuola continua la sua attività nei locali di via Masone, dove era originariamente sorta.
A norma dell’art. 95 del T.U. 5 febbraio 1928, n. 577, il 18 novembre 1954 viene concessa alla scuola la parifica.
In data 1 dicembre 2000 viene concessa la parità.
L’utenza è costituita da bambini provenienti dalla città e dai paesi limitrofi; essi raggiungono la Scuola con mezzi propri o con servizi privati contattati dalle famiglie.
Nell’anno scolastico 2006/2007 la popolazione scolastica della scuola Primaria è di 230 alunni suddivisi in  dieci classi.
La scuola vive il suo servizio educativo accogliendo, proponendo e rispettando i principi fondamentali della nostra organizzazione democratica.  “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzioni di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”. ( Art. 3 Costituzione).
“La scuola primaria dà un sostanziale contributo per svolgere secondo le proprie possibilità e le proprie scelte, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale e spirituale della società”. ( Art. 4 Costituzione).
La comunità educante cerca di offrire agli alunni un ambiente sereno ed impegnativo, attento alla loro crescita integrale, promuovendone, attraverso la mediazione culturale e la relazione significativa, le potenzialità intellettive ed affettive, orientandole al progetto uomo offertoci dal Vangelo.
La scuola, nel corretto uso del suo spazio educativo e nel rispetto di quello della famiglia e delle altre possibilità di esperienze educative, ha il compito di sostenere l’alunno nella progressiva conquista della sua autonomia di giudizio, di scelte e di assunzione di impegni e nel suo inserimento attivo nel mondo delle relazioni interpersonali, sulla base dell’accettazione e del rispetto dell’altro, del dialogo, della partecipazione al bene comune.
La Scuola s’impegna ad abbattere le barriere architettoniche presenti per essere a norma nell’accogliere gli alunni portatori di handicap.
Gli insegnanti responsabili della sicurezza hanno frequentato il corso di formazione previsto dalla Legge 626.